giovedì 22 giugno 2017

Blues siberiano


Valentino Corona - Blues siberiano (2017)



Un viaggio a due in treno, dalla Slovacchia a Mosca e poi lungo la mitica Transiberiana fino al capolinea Vladivostok: a conti fatti, andata e ritorno, oltre ventimila chilometri. Il narratore e il compagno Michal procedono veloci, limitando le soste, ma tale percorso una ventina di giorni almeno li richiede: dei due, il primo è più attento ai luoghi e alla storia, il secondo agli incontri occasionali e alla quotidianità; convivere a stretto contatto non è semplice: i due si conoscono poco, hanno età e personalità diverse, l'uno sa di essere “lunatico e irascibile”, l'altro è turbato da una sofferenza a lungo nascosta e ammessa solo tardivamente. Lo scenario principale, il fondale imponente, è la Siberia, con la sua storia segnata spesso da atrocità e le sue lande sconfinate da attraversare: un mondo, specie agli occhi occidentali, per gran parte “inafferrabile, incomprensibile”. Al di là del diario di viaggio, puntuale e peraltro privo di fatti eclatanti, Valentino Corona arricchisce la narrazione con riferimenti storici e letterari, accurati, ed evidenzia particolarmente il lato umano dei personaggi, protagonisti e non, allargando il suo sguardo filosofico da questi all'umanità intera.

lunedì 19 giugno 2017

Ex BC e compagni

Nel 2016 Rich Robinson, Marc Ford e Sven Pipien, ex Black Crowes, hanno dato vita con alcuni compagni d'avventura a The Magpie Salute. Con loro c'era in un primo tempo anche un altro ex BC, il tastierista Eddie Hersch, che però è mancato nel novembre scorso. Ora è uscito il primo album di The Magpie Salute, omonimo: contiene questa "Omission", nuova nuova, e molte cover.



The Magpie Salute - "Omission" (da "The Magpie Salute", 2017)

giovedì 15 giugno 2017

Il sistema periodico


Primo Levi - Il sistema periodico (1975)



“Il sistema periodico” consta di ventuno capitoli, ognuno con il titolo di un elemento chimico. Eppure, avverte l'autore, “questo non è un trattato di chimica: la mia presunzione non giunge a tanto, «ma voix est foible, et même un peu profane». Non è neppure un'autobiografia, se non nei limiti parziali e simbolici in cui è un'autobiografia ogni scritto, anzi, ogni opera umana: ma storia in qualche modo è pure. È, o avrebbe voluto essere, una microstoria, la storia di un mestiere e delle sue sconfitte, vittorie e miserie.” D'altra parte, “che io chimico, intento a scrivere qui le mie cose di chimico, abbia vissuto una stagione diversa, è stato raccontato altrove.” In ogni caso, anche nel trattare delle sue cose di chimico, frammenti del lavoro quotidiano con qualche elemento aggiuntivo - come un paio di racconti, forse inseriti un po' a forza -, Primo Levi si conferma grande scrittore.
Chiude questa edizione una bella intervista che Philip Roth fece a Levi nel 1986, l'anno prima della morte.

lunedì 12 giugno 2017

Preferisco Tramp


A Trump
preferisco Tramp



Mike Tramp - "Coming Home" (da "Maybe Tomorrow", 2017)

giovedì 8 giugno 2017

Io sono con te


Melania G. Mazzucco - Io sono con te Storia di Brigitte (2016)



Melania Gaia Mazzucco racconta la durissima storia - una di tante - di Brigitte Zébé Ku Phakua, una giovane congolese, là perseguitata e violentata, che nel 2013 giunge in Italia e deve poi affrontare un altro lungo periodo oscuro prima di cominciare a vedere la luce. Storia ben raccontata, lettura consigliabile a tutti: sarebbe indicatissima per i razzisti, se leggessero.

lunedì 5 giugno 2017

Metallara delicata


Quale eccezione,
ecco oggi una bella cover:
il brano è dei Pink Floyd, del 1979,
la band, perlopiù metallara ma qui delicata,
si chiama Bobaflex ed è americana, del West Virginia.



Bobaflex - "Hey You" (2017)

giovedì 1 giugno 2017

Il giro del miele


Sandro Campani - Il giro del miele (2017)



Due uomini riprendono un dialogo interrotto da tempo, in una lunga notte. A parlare è soprattutto Davide, che ha certi errori e un amore finito alle spalle, ad ascoltare Giampiero, l'amico di famiglia di vecchia data: è Davide che l'ha cercato e si appoggerà ancora a lui per ritrovarsi, come a un secondo padre.
È un buon romanzo, questo di Sandro Campani: la storia prende e convince per un buon tratto, ma poi si trascina un po' troppo, con la notte lunga che sembra non finire mai: qualche sfrondamento avrebbe senz'altro giovato e un'alba più precoce avrebbe illuminato meglio il tutto.

lunedì 29 maggio 2017

Jack pop clip


Jack
è molto pop
nella sua ultima clip



Jack Savoretti - "We Are Bound" (da "Sleep No More", 2016)

giovedì 25 maggio 2017

L'Italiano


Shukri al-Mabkhout - L'Italiano / The Italian (2015)



La storia ha un inizio promettente, con certi giovani protagonisti impegnati a migliorare le cose nella Tunisia degli anni '70 - '80 - '90, tra i passi avanti di Bourghiba e quelli indietro di Ben Ali. Ma poi prevalgono le vicende private, gli amori soprattutto, con scenette di sesso raccontate fastidiosamente, tipo lui e lei che in partenza “si immergono nel miele dei baci” e poi procedono alla grande fino all'arrivo, anzi alla grandissima essendo “lei la migliore delle puledre, lui il più abile dei cavalieri”. Scivolamenti in basso ripetuti, che dilapidano ogni volta di più quel che c'era di buono.